Guy de la Bèdoyère
Hadrian’s Wall History & Guide
Tempus Publishing Ltd, 1998

Recensione di Enrico Pantalone


Questo testo dell’archeologo e storico Guy de la Bèdoyère è estremamente interessante, perché raccoglie, sul vallo romano più famoso dislocato nel Regno Unito, un insieme di nozioni che permettono di programmare, volendo, una lunga passeggiata attraverso le sue 73 miglia “coast to coast”, anche utilizzando le iscrizioni e le pietre miliari sparse lungo tutto il percorso e dettagliatamente riportate nella sezione dedicata alle risorse.
L’autore traccia un quadro storico nel contesto in cui fu eretto il vallo molto ricercato e sorprendentemente utilizzato come introduzione al testo vero e proprio, questo per dare maggiore spazio al lettore nell’approfondimento della struttura architettonica successivamente descritta, chiaramente ritenuta fondamentale per l’arricchimento culturale. grazie anche all'utilizzo di numerose cartine dettagliate.
Il “viaggio” parte da est (Newcastle) e finisce ad ovest (Carlisle) attraverso cinque tappe: Wallsend-Chesters, Chesters-Housesteads, Housesteads-Cawfields, Cawfields-Birdoswald, Birdoswald-Bowness on Solway: in questi settori s’analizzano le strade (ed il loro chilometraggio), lo stato delle mura, il territorio circostante e le capacità dell’assetto difensivo in ragione d’eventuali attacchi considerando le varie posizioni, s’unisce quindi l’aspetto turistico con quello militare ed economico.
A parte nel testo c’è una sezione dedicata ai forti, ai ridotti ed ai castrum edificati lungo tutto il vallo, alcuni di essi notoriamente anche musei di sicuro interesse e di grande valore storico, questo da modo di valutare la differenza logistica tra un tratto solamente “murato” ed un altro dove esistevano infrastrutture importanti per l’economia della difesa territoriale.

 

Home Page Storia e Società