Luciano Perelli
La corruzione politica nell'antica Roma
BUR - Milano 1994

Recensione di Enrico Pantalone


Questo saggio di Luciano Perelli, già docente di Storia Romana e Letteratura Latina all'Università di Torino, fa una disamina spietata quanto intrigante della corruzione e del malcostume nella Roma repubblicana ed imperiale, ma soprattutto fornisce un tratto estremamente interessante rispetto all'impatto sociale che questi illeciti provocavano nella popolazione: un fenomeno che egli valuta con una portata d'almeno dieci volte superiore a quella dei nostri giorni.
Infatti, un altro tratto interessante del suo studi è proprio il paragone con la storia contemporanea che esce addirittura meglio di quanto noi la valutiamo oggi, il punto che egli evidenzia però è un altro: il romano viveva regolarmente questo stato di cose, non si poneva problemi morali, la clientela e l'amicizia avevano senz'altro un valore superiore a quelle odierne e questo se non serviva a lenire il problema dal punto di vista morale, lo diversificava indubbiamente da ciò che accade ai nostri giorni.
Naturalmente nel saggio trovano posto numerosi ed esaurienti compendi statistici riguardanti i numeri del problema, sempre che problema fosse a quei tempi.

 

Home Page Storia e Società