Don Juan     di Enrico Pantalone

 

126’, 1926

Regia Alan Crosland

Cast: John Barrymore, Mary Astor; Warner Oland, Estelle Taylor

 

Tutti pensano a “Il Cantante Pazzo” ed a Al Jolson quando parlano di primo film sonoro (in realtà era un muto con due o tre canzoni innescate nei momenti cruciali), invece il primo film interamente sincronizzato con una banda musicale fu proprio questo, il Don Juan di Alan Crosland (che poi dirigerà anche Jolson nei suoi primi film parlati) , voluto fortemente dai fratelli Warner, tedeschi emigrati in America e con grande fortuna divenuti magnati dell’industria cinematografica, i quali non erano in condizioni disperate quando lanciarono il nostro film, avevano investito da tempo su questa nuova tecnologia e sapevano che i tempi erano oramai maturi per la grande prima, non si fidarono molto a lanciarsi subito nell’avventura totale, ma gli incoraggianti risultati ottenuti con Don Juan li spinsero ad accelerare le produzioni seguenti.

Il film narra la vicenda di Don Giovanni in una Roma sommersa dallo strapotere dei Borgia (Warner Oland/Cesare ed Estelle Taylor/Lucrezia) e dalla loro cricca, i due attori sembrano divertirsi nel sostenere le parti dei cattivi: perfida ed ammaliante è soprattutto la Taylor, forse la miglior Lucrezia Borgia della storia cinematografica.

Naturalmente Don Giovanni, il mitico John Barrymore, va a cercar rogne ed amanti nella città capitolina ed altrettanto ovviamente finisce con l’innamorarsi dell’unica donna che non cade ai suoi piedi cotta e stracotta (Adriana/Mary Astor) in un turbinio di avventure e grandi duelli come quello finale, e conoscendo l’abilità di spadaccino del Barrymore non deve essere stato troppo facele girare quelle scene senza una grande controfigura a lui opposta.

Don Juan elimina ogni residua illusione di chi pensa che il sonoro non avrà seguito e successo, la gente esce dalla sala entusiasta e i Warner Bros vincono la loro battaglia, la porta è aperta, molte stars tremano, non basta più avere un bel viso, ora si deve dimostrare anche di saper recitare e di possedere una voce corretta, molte libellule spariranno, spazzate vie con un vento di tramontana, alcune addirittura non sopravvivranno…..il cinema è definitivamente cambiato.

 

 

Home Page Storia e Società